[Bari] Formazione, ricerca e sperimentazione siglato accordo con l’Università di Bari

Workshop, lezioni e seminari con un occhio particolare al settore aerospaziale

[Bari] Formazione, ricerca e sperimentazione  siglato accordo con l’Università di Bari

Due eccellenze insieme per volare sempre più in alto. Così Aeronautica militare e Università di Bari hanno siglato un protocollo d’intesa nell’ambito di formazione, ricerca e sperimentazione, con un occhi particolare al settore aerospaziale. A farlo, il generale Umberto Baldi comandante Scuole e Terza Regione aerea e il rettore Felice Uricchio. Sono previsti anche workshop, seminari, lezioni a favore di studenti, dirigenti, funzionari ed operatori e lectio magistralis di alti rappresentanti delle parti rivolti a tematiche di interesse comune. Saranno sviluppati, inoltre, progetti formativi e iniziative di job placement, tirocini pratici e stage a favore di studenti o di dipendenti che avranno come oggetto l’acquisizione della conoscenza di realtà produttive diverse dalla propria al fine di completare il percorso formativo accademico o professionale.

Il generale Baldi ha precisato come “questo accordo-quadro pone le basi per una collaborazione importante tra l’Aeronautica militare ed un polo universitario di rilievo come quello dell’Università degli studi di Bari. Tanto più importante perché Bari è sede del Comando delle scuole dell’Aeronautica militare, responsabile della selezione, reclutamento, formazione ed addestramento del personale militare dell’arma azzurra. La firma di oggi rappresenta per le due istituzioni una grande occasione di cooperazione nell’ambito scientifico, nelle attività di ricerca, consulenza e formazione. Mettere a fattor comune le competenze e le professionalità dell’Aeronautica militare e del mondo accademico del territorio permette di creare le giuste occasioni di crescita sistemica a servizio del Paese.” Il rettore Uricchio, dopo aver sottolineato gli ottimi rapporti di collaborazione già esistenti tra Università e Aeronautica militare di Bari. ha esordito con questa metafora: “Oggi l’Università di Bari mette le ali”. Ha poi continuato evidenziando come “questo accordo consentirà di attivare quanto prima esperienze formative di eccellenza nel campo della ricerca e dell’aerospazio. L’accordo completa un impegno forte verso le sinergie istituzionali che rendono la nostra Università particolarmente felice di questa collaborazione”.

Categorie
TAGS
Condividi: